EnglishItalian

Fabio Fognini lotta come un leone, ma non basta per poter interrompere i sogni di gloria di Andrey Rublev. Il numero 4 del tabellone ha avuto ragione del ligure in due set, conclusi per 7-6 6-3, battendolo per la terza volta consecutiva in questo 2021. Il russo si guadagna l’opportunità di battersi con John Isner nel terzo turno, mentre con il ko di Fabio si è subito esaurito il Masters1000 di Toronto della pattuglia azzurra.L’inizio della partita è assai rapido: i servizi dominano, con i due tennisti che fanno scorrere molto velocemente gli scambi. Il primo scivolone è di Rublev, con due doppi falli consecutivi che mettono Fabio in condizione di cercare e trovare il break nel sesto gioco della partita. Ma l’azzurro non riesce a confermare il vantaggio acquisito facendosi sorprendere dalle risposte del moscovita. Si va al tie-break, che gira sul nastro colto da Rublev nel decimo scambio, ed il numero 7 del mondo si porta a casa il primo set.

Fognini pare aver leggermente patito il ko della prima frazione e si ritrova subito in difficoltà in battuta, venendo chiamato ad annullare immediatamente due palle break, riuscendoci in maniera brillante. L’azzurro rimane aggrappato alla partita fino all’ottavo gioco, turno in cui smarrisce la prima, quando un doppio fallo lo manda ai vantaggi venendo messo spalle al muro. Rublev ne prende atto e ne approfitta, chiudendo i conti nel gioco successivo.La partita ha svoltato in favore del russo su alcuni momenti particolari. Molto dovuti alla seconda di servizio, con cui Rublev è andato sotto la sufficienza (13/23) mentre per Fognini è stato il vero tallone d’Achille della sua giornata (15/34, il 44%). Il ligure non è riuscito a pressare la seconda avversaria, offrendosi soltanto tre possibilità di break in tutta la partita.